3 regole d'oro per disciplinare i tuoi figli

Disciplina del bambino

Non dimenticherò mai l'ora in cui io e mio fratello abbiamo rubato un pacchetto di gomme al supermercato. Avevamo 2 e 4 anni e mia madre ci ha disciplinato davanti alla cassa e ad altri clienti. Avevamo fatto qualcosa di sbagliato, ma eravamo estremamente imbarazzati. Guardando indietro, vorrei che avrebbe aspettato di disciplinarci fino a quando non fossimo a casa, piuttosto che vergognarci pubblicamente.

Molti di noi conoscono la regola d'oro: fai agli altri quello che vorresti fosse fatto a te. Tale fondamento si applica sicuramente alla disciplina infantile. Ecco 3 regole d'oro per la disciplina.

La disciplina è qualcosa che dovrebbe essere gestito in privato. Pensa a come ti sentiresti se qualcuno ti correggesse o ti rimproverasse di fronte ai tuoi amici o colleghi. Quindi, quando tuo figlio si comporta male, riconosci con calma il comportamento scorretto e vai in un luogo privato per amministrare la disciplina. Se non riesci a trovare un posto privato, di 'a tuo figlio che le conseguenze seguiranno quando torni a casa.

Ora, un'eccezione a quanto sopra è la correzione con bambini di 5 anni o più giovani. Guarda questo esempio di un bambino di 4 anni che desidera l'attenzione di sua madre quando parla con un amico.

Mamma: Comunque, Beth, il dottore ha detto che probabilmente le ci vorrebbe circa una settimana per riprendersi e poi … (Interrotta da suo figlio)

Bambino: Mamma! Voglio chiedervi qualcosa! Mammina! Dov'è il mio dinosauro?

Mamma: mi scusi, Beth. Sai che non dovresti interrompere le persone quando parlano, vero?

Bambino: Sì, mamma.

Mamma: Ok, quindi aspetta piano, e starò bene con te.

Anche in questo caso, la madre ha trattato suo figlio rispettosamente. Rimase calma e gli parlò gentilmente.

"Dove abbiamo mai avuto la pazza idea che per far sì che i bambini facciano meglio, prima, dobbiamo farli sentire peggio?" – Jane Nelson

Anche quando sei estremamente arrabbiato con i tuoi figli, puoi comunque trattarli rispettosamente. Ciò significa evitare il sarcasmo, le urla e gli insulti. Rispetto dei modelli per aiutarli a sapere come gestire le situazioni di tensione nella propria vita.

Puoi dire: “Jack, sono molto arrabbiato con te in questo momento. Quello che hai fatto è stato molto sbagliato. Non è stata una buona scelta e non voglio che tu lo faccia di nuovo. Ti amo e voglio che tu capisca che te lo sto segnalando in modo che tu possa fare meglio la prossima volta. ”

Per una giusta disciplina, le conseguenze devono essere determinate in anticipo. Una volta che sono presenti, spiega le conseguenze a tuo figlio in modo che sappiano cosa aspettarsi. Quindi quando si verifica la disobbedienza, trasmetti con calma le conseguenze. Se ritieni che tuo figlio abbia davvero dimenticato le conseguenze, puoi ricordare loro le conseguenze e dargli un'altra possibilità. Ma, se si comportano di nuovo male, non negoziare conseguenze.

Un'equa disciplina tiene conto anche della posizione del bambino: agisce perché è stanco o affamato? Non si sente bene? Il suo comportamento scorretto è legato a uno stadio appropriato per la sua età? Prendi l'intero scenario prima di passare direttamente all'azione disciplinare.

Cos'altro aggiungeresti a questo elenco?

You May Also Like

Come far interrogare il tuo bambino al tuo amore
Come far interrogare il tuo bambino al tuo amore
"Mi piace papà meglio!" Cosa fare quando un genitore è quello divertente
"Mi piace papà meglio!" Cosa fare quando un genitore è quello divertente

Must Read

Menu