5 modi in cui ho ferito le relazioni razziali

Crescita Personale

Diversi anni fa ho assistito a una tavola rotonda sulle relazioni razziali. Durante un segmento, una donna si è presa la scusa di scusarsi con le persone di colore per conto dei bianchi che potrebbero averli feriti. Credo che le sue scuse provenissero da un luogo sincero ed empatico, ma ero anche leggermente irritato perché la separava da ogni colpa. La elevò alla posizione della persona illuminata che si scusava legittimamente per i peccati degli altri. Ho pensato, "Non abbiamo bisogno di persone che si scusino per i torti degli altri. Abbiamo bisogno di persone che si scusino per se stesse. Abbiamo bisogno che le persone spieghino i propri errori. "

Vogliamo tutti credere che siamo i bravi ragazzi. Nessuno si vede come il cattivo. E se noi siamo la persona giusta nella storia, allora le persone con visioni opposte devono essere i cattivi o almeno dalla parte sbagliata della verità e della giustizia. Questo atteggiamento mi ha dato i miei più grandi paraocchi e più problemi relazionali di ogni altra cosa. Negli ultimi anni, ho cercato di togliere i paraocchi. Quando c'è un problema ricorrente, come le relazioni razziali, ti sei mai fermato a considerare: "E se fossi parte del problema?" Questa è la domanda che mi sono posto. La risposta onesta a cui sono arrivato: lo sono. Ecco 5 modi in cui ho ferito le relazioni razziali.

1. Quando non sono riuscito a riconoscere il mio privilegio.

Pensavo che la vita quotidiana di tutti negli Stati Uniti fosse come la mia. La realtà è che le persone di colore hanno un'esperienza americana significativamente diversa. Se non voglio pensare alla razza, posso evitarlo. Non possono. Quando esco di casa, sono sicuro di non essere molestato o pregiudicato a causa della mia razza. Questo non è il caso delle persone di colore. Non dimenticherò mai alle scuole medie di visitare un amico che è nero a casa sua. La maggior parte se non tutte le persone del suo quartiere erano anch'esse nere. Sono imbarazzato nel dire che è stata l'unica volta nella mia vita in cui sono stata la minoranza e mi sono sentita a disagio. Ho il lusso di evitare quel disagio se lo desidero. Le persone di colore non hanno quel lusso. Poi ci sono i vantaggi economici che la mia razza mi ha dato. Tutto ciò mi ha portato a minimizzare o negare del tutto gli svantaggi delle persone di colore. Mi dispiace per la mia smentita e per rimanere isolato nella mia zona di comfort.

2. Quando pensavo di saperne di più.

Non riconoscere il mio privilegio mi ha fatto comprendere meno le persone di colore e, se sono sincero, mi ha persino dato un atteggiamento inconscio di superiorità. Mi sembrava di avere le risposte che avrebbero migliorato la loro vita senza considerare le loro esperienze o prospettive. Mi dispiace per la mia arroganza e ignoranza.

3. Quando ho reagito con difensiva piuttosto che empatia con le persone di colore.

Quando ho visto per la prima volta la campagna Black Lives Matter, la mia risposta iniziale è stata "tutte le vite contano". Mi sono arrabbiato e l'ho vomitato prima ancora di ascoltare cosa significasse effettivamente Black Lives Matter. Non ho considerato prima che ci fossero persone che sentono che la loro vita non ha importanza. Non ho considerato il loro dolore e il motivo per cui fanno male. Quando ho iniziato ad ascoltare e capire perché si sentono in quel modo, il mio pensiero è cambiato. Invece di essere difensivo e arrabbiato, la mia attenzione si è spostata su ciò che può essere fatto per garantire che si sentano come se le loro vite non solo contassero, ma abbiano un valore infinito. Per tutte le volte che ho respinto un'espressione di dolore o un grido di giustizia, mi dispiace.

4. Quando ho assunto il meglio dalla polizia e dalle persone che mi assomigliano.

Vorrei essere chiaro: ho amici e parenti che sono agenti di polizia. Ho un enorme rispetto per le persone che mettono la loro vita in pericolo ogni giorno come agenti di polizia. Definirlo un lavoro difficile è un eufemismo. Tuttavia, ciò non significa che il potere delle forze dell'ordine non venga mai abusato. Ogni volta che c'era un problema nella stampa sulla brutalità della polizia o sulla profilazione razziale, ho immediatamente dato alla polizia il beneficio del dubbio. Quando hanno usato una forza grave o mortale, ho immediatamente pensato che dovesse essere stato necessario. Ma il problema più profondo è che a livello subconscio, do il beneficio del dubbio alle persone che mi assomigliano (in altre parole, le persone che hanno lo stesso colore della pelle). Forse è perché è più facile vedermi in loro che vedere me stesso in persone che sembrano diverse. Mi vergogno non solo di questo atteggiamento, ma del fatto che devo essere intenzionale nel cambiare il mio modo di pensare. Mi dispiace per il mio pregiudizio e pregiudizio.

5. Ogni volta che ho ascoltato qualcuno dire qualcosa di razzista e non mi sono impegnato.

Un paio di anni fa, mi sono trasferito in una nuova casa. Quando ho incontrato uno dei miei vicini, ha iniziato a parlarmi del nostro quartiere. Ha indicato una casa in cui vive una famiglia nera. Mentre descriveva la famiglia, finì dicendo: "Sono neri, ma educati". Ricordo di essere stato colto di sorpresa e di sentirmi frustrato, ma non ho detto nulla. Non ho contestato l'affermazione o la linea di pensiero secondo cui la maggior parte dei neri non è istruita. Quindi probabilmente se ne andò pensando che ciò che aveva detto fosse accettabile o credendo di essere d'accordo con lui. Non contestare questa affermazione è stato codardo e permetterà al pensiero razzista tossico di continuare. Purtroppo, non l'ho sfidato perché avevo paura di avere un momento imbarazzante. Per questo e altri momenti in cui ero passivo mentre le persone di colore venivano sminuite, derise o prevenute, mi dispiace.

Suono spento: ci sono dei modi in cui sei stato il problema nelle relazioni razziali?

You May Also Like

taking risks
3 rischi che ogni uomo dovrebbe correre
how to be a great dad
5 tratti di un papà di livello Super Bowl

Must Read

Menu