6 cose che devi assolutamente sapere quando i bambini hanno bisogno di disciplina

Bambini

Non solo io e mia moglie siamo riusciti in qualche modo a crescere due figli, ma ho lavorato due decenni come specialista del comportamento nelle scuole pubbliche della Florida. Ora abbiamo due nipoti (sei e sette) che sono oltre meravigliosi. Ma i nostri nipoti sono anche – proprio come tutti gli altri bambini del mondo – a volte una manciata. Genitore o nonno, i bambini hanno bisogno di disciplina.

I nostri nipoti vivono solo un paio d'ore di distanza, quindi trascorriamo molto tempo insieme. Ma cosa deve fare un nonno quando si tratta di disciplina? Qual è il protocollo quando agiscono e anche i loro genitori sono nella stanza? E cosa dovrebbero fare i genitori divorziati o separati di fronte alle stesse circostanze? È probabile che tutti non saranno sulla stessa pagina, ma possiamo tutti concordare alcune regole di base essenziali quando si tratta di comportamento. Ecco 6 cose che devi assolutamente sapere quando i bambini richiedono disciplina e correzione.

1. La coerenza è uno dei compiti.

Quando ho insegnato a scuola alcuni insegnanti avevano diagrammi complessi che misuravano verso l'alto di venti comportamenti a intervalli di dieci minuti. Era troppo complesso per me! Invece, ho mantenuto le cose semplici in modo da essere il più coerente possibile. I bambini imparano velocemente cosa è accettabile quando sono chiari su ciò che è previsto.

2. Non contraddire mai un altro adulto responsabile di fronte al bambino.

Va bene non essere d'accordo con il coniuge, i nonni, il tuo ex. Ciò che non va bene è minare l'autorità di qualcun altro. Ricorda che l'obiettivo qui è la disciplina che funziona. La correzione non funzionerà mai quando gli adulti si minano l'un l'altro.

3. Impara la differenza tra "ferma" e "urla".

Quando ero insegnante ho osservato una relazione inversa tra volume ed efficacia. Più forte un insegnante urla, meno rispetto guadagnano. Lo stesso vale a casa. L'urlo indica chiaramente al bambino che non hai il controllo. Rallenta, abbassa sia il tono che il volume e lavora sulla "poppa" della tua voce.

4. Trova la giusta punizione.

Comprendi la definizione di "punizione" e perché ciò che stai facendo potrebbe effettivamente essere un "rinforzo". Una punizione è un intervento che riduce la probabilità che si verifichi un comportamento mirato. Un rinforzo aumenta la probabilità che il comportamento si ripeta. Se ciò che ritieni sia una punizione non sta riducendo il comportamento, fermati e trova qualcos'altro. Ciò richiede pensiero e creatività, non rabbia e urla.

5. Identificare comportamenti accettabili piuttosto che rimproverare continuamente quelli che non ci piacciono.

Quando rimproveriamo costantemente prestiamo attenzione ai comportamenti che non vogliamo vedere. La nostra attenzione è molto spesso un rinforzo. Fai molto con comportamenti positivi. Ricompensa comportamenti accettabili con la tua attenzione e le tue parole.

6. Rafforzare comportamenti incompatibili con quelli che vogliamo fermare.

Ho insegnato ai bambini con autismo. Il mio team ha eliminato con successo il comportamento autolesionistico ignorando le risposte auto-colpite e incoraggianti (rinforzanti) incompatibili con l'auto-colpire (come colorare, giocare a pallone, modellare l'argilla, imparare il linguaggio dei segni, ecc.). Si è scoperto che i bambini bramavano l'attenzione e hanno ottenuto molto quando si sono fatti male. In breve tempo, i comportamenti positivi si sono auto-rinforzati. Trova cose incompatibili con i comportamenti inappropriati di tuo figlio e presta attenzione a quello.

Suono spento: quali sono alcuni principi che hai trovato utili quando si tratta di disciplina?

You May Also Like

making christmas
4 idee per rendere il Natale significativo
love each other
5 motivi per cui i genitori dovrebbero flirtare davanti ai bambini

Must Read

Menu