6 domande per aprire una conversazione con tuo figlio sul bullismo

Bambini

Gli elementi chiave del bullismo, secondo i Centers for Disease Control and Prevention, includono “comportamenti aggressivi indesiderati; squilibrio di potenza osservato o percepito; e ripetizione di comportamenti o alta probabilità di ripetizione ”(CDC, 2014).

Il bullismo si verifica con frequenza inquietante, ma i numeri non iniziano a raccontare l'intera storia. La statistica più allarmante ha a che fare con il fatto che la maggior parte del bullismo non viene denunciata, anche quando la vittima subisce un infortunio (studio finanziato dal Dipartimento della Pubblica Istruzione degli Stati Uniti).

Un primo passo fondamentale nella creazione di ambienti di apprendimento più sicuri, secondo The Center for Safe Schools, è il reporting più completo e immediato.

Incoraggiare i bambini a parlare di intimidazione non riguarda il chiacchierino, si tratta della nostra responsabilità collettiva di lavorare verso scuole sicure, responsabilizzare i bambini e superare il bullismo.

Non possiamo consolare, aiutare, equipaggiare o potenziare se non sappiamo cosa sta succedendo nella vita dei nostri figli. Prova le seguenti 6 domande per aprire una conversazione con tuo figlio sul bullismo:

1. "Dimmi, quali sono state le due cose migliori di oggi e le due cose peggiori di oggi?"

Ascolta tuo figlio, non fare lezione. È importante prendere l'abitudine di avere una comunicazione aperta. I nostri figli non dovrebbero essere nervosi nel condividere tutto ciò che accade nella loro vita. La reazione eccessiva dice ai bambini di nascondere i loro pensieri e sentimenti reali.

2. "Se potessi essere un supereroe e aiutare altri bambini, quali poteri avresti?"

Il gioco di ruolo può creare un luogo sicuro per una comunicazione onesta. Chiedi maggiori dettagli mentre la conversazione continua.

3. "Non sono sicuro di sapere davvero cos'è un bullo, puoi descriverlo?"

I bambini adorano essere "al corrente". Lascia che siano gli esperti e ti parlino. Chiedi a tuo figlio come sanno cosa ti stanno dicendo.

4. "Chi sono gli adulti con cui puoi parlare se hai paura?"

Le risposte possono includere insegnanti, autisti di autobus, allenatori, genitori di amici. Segui: "Hai mai desiderato che potessero aiutarti di più?" E "Quali cose ti fanno spaventare?"

5. "Cosa succede quando vedi altri bambini che vengono spinti in giro?"

A volte è più facile per i tuoi figli parlare di ciò che sta accadendo con altri bambini oltre a loro stessi. Dopodiché, "Ti sei mai spinto in giro?"

6. "Cosa pensi che i genitori o gli insegnanti possano fare per aiutare a smettere di bullismo?"

Ancora una volta, metti tuo figlio nel ruolo di esperto. Dato che il bullismo è riconosciuto, cosa pensi – il bambino – che gli adulti possano fare per aiutare?

La domanda non è "se" accade il bullismo ma "come?" È così importante avere un dialogo regolare con i tuoi figli sul loro comportamento nei confronti degli altri e su come vengono trattati dai loro coetanei.

Ecco alcune risorse aggiuntive che potrebbero aiutarti a parlare con tuo figlio:

  • Stopbullying.gov: https://www.stopbullying.gov/media/facts/index.html
  • American SPCC (American Society for the Positive Care of Children): https://americanspcc.org/our-voice/bullying/statistics-and-information/
  • Center for Safe Schools: http://www.safeschools.info/bullying-prevention/bullying-prevention-news/73-study-finds-most-bullying-not-reported

Sponsorizzato dalla Florida Coalition Against Domestic Violence e dallo Stato della Florida, Dipartimento per l'infanzia e le famiglie.

Questo progetto è stato supportato dal contratto n. LJ990 assegnato dall'ufficio amministrativo statale per il programma di finanziamento con formula STOP. Le opinioni, i risultati, le conclusioni e le raccomandazioni espresse in questa pubblicazione / programma / mostra sono quelle degli autori e non riflettono necessariamente le opinioni dello stato o del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti, Office on Violence Against Women.

You May Also Like

message of hope
Un messaggio di speranza per coloro che ne hanno davvero bisogno
staying married
4 ingredienti vitali per rimanere sposati

Must Read

Menu