6 Potenti domande sulla genitorialità

Bambini

Avendo trascorso 10 anni a praticare la legge all'inizio della mia carriera, ho imparato che porre le domande giuste è fondamentale per trovare la verità e ottenere risultati. Ma quando si affrontano le emozioni e le lotte relazionali dei nostri figli, le conversazioni possono sembrare davvero unilaterali. Per promuovere buone conversazioni come genitori, dobbiamo porre 6 potenti domande per i bambini. Gli educatori lo hanno capito per secoli, come evidenziato dal metodo socratico che utilizza una serie di domande per aiutare gli studenti a scoprire le risposte, non solo ascoltare i fatti. Trascorri cinque minuti con un adolescente o un giovane adulto e capirai rapidamente anche che le domande che richiedono solo un "sì" o un "no" non ti porteranno molto lontano o in profondità. Le domande che poniamo ai nostri figli, sia che li attiri nella relazione o che ne traggano informazioni, stimolano anche la conversazione e le loro capacità di elaborazione. Le buone domande possono portare a grandi conversazioni con i tuoi figli.

Quindi, ecco alcune potenti domande che ho posto ai miei figli adolescenti e giovani adulti in varie occasioni per farli davvero pensare e parlare. Puoi usarli con i tuoi figli e ragazzi per aiutarli a elaborare le loro emozioni e gestire circostanze o relazioni difficili, mentre approfondisci la tua relazione con loro allo stesso tempo. Ecco 6 domande per i bambini.

1. Cosa?

Le domande “cosa” di base possono assumere molte forme, ma la chiave è aiutare il bambino a capire che hai bisogno di dettagli, non solo di impressioni. Quello che è successo? Cos'altro puoi dirmi? Cosa posso fare per renderlo migliore?

2. Perché?

Chiedere loro "perché" può aiutarli a guardare una situazione da più angolazioni. Perché pensi di sentirti così? Perché è così preoccupante per te? Perché pensi che avrebbero potuto farlo?

3. Quando?

Il tempismo è importante. Aiutare il bambino a vedere il senso di una sequenza temporale di eventi può aiutarli a separare i fatti e le emozioni. Quando hai notato per la prima volta un problema? Quando hai iniziato a sentirti così?

4. Come?

Le domande "come" possono aiutare te e loro a comprendere i passaggi e i processi che hanno creato le difficoltà. Come si è intensificata la situazione? Come sei arrivato a questo livello di frustrazione? Come hanno fatto a farti questo?

5. Chi?

Comprendere tutti i giocatori in una situazione è cruciale per risolvere ciò che deve essere fatto dopo. Chi è veramente responsabile della situazione? Chi ha bisogno di scuse? Chi ha bisogno di perdonare? Chi ha bisogno di essere confrontato? Chi ha bisogno di essere aiutato?

6. Dove?

Ora che hai aiutato tuo figlio a mettere le carte sul tavolo e a guardarle, aiutalo a pensare ai passi successivi. Dove pensi che dovresti andare da qui con questo problema o in questa relazione?

Probabilmente la più grande sfida nell'aiutare i nostri figli a risolvere le loro emozioni e relazioni difficili è combattere l'impulso di sistemare le cose, tenere una conferenza e parlare delle nostre idee. L'ascolto è una parte fondamentale di questo processo. Non pensare solo alla tua prossima domanda, ASCOLTA ciò che tuo figlio sta dicendo e intreccialo nelle tue domande e risposte. Fai clic qui per ulteriori idee su come essere un grande ascoltatore.

You May Also Like

fun things to do with kids
5 cose divertenti da fare con i bambini
A Spring Cleaning Checklist for Your Marriage
Una lista di controllo per le pulizie di primavera per il tuo matrimonio

Must Read

Menu