Cambia te stesso e cambierai il mondo

Leadership

Lo scorso giugno, sono stato inorridito e rattristato, come gran parte della nazione, per gli eventi di Charleston. Dylann Roof entrò in una chiesa afroamericana e si sedette con i parrocchiani che studiavano la Bibbia per un'ora prima di scatenarsi in una furia omicida di matrice razzista. Il ripugnante atto di violenza ha causato la morte di nove persone. Quando le famiglie delle vittime hanno incontrato colui che ha causato il loro dolore in tribunale, mi aspettavo qualcosa di molto diverso da quello che ho visto. I membri della famiglia che si sono rivolti a Dylann, attraverso indicibili lacrime e dolore, hanno offerto il perdono. Una donna è arrivata addirittura a dire: "Ci siamo divertiti". Mantenere quel tipo di amore e dignità di fronte a tanto male era a dir poco eroico, forse anche soprannaturale. Ero in soggezione. Non avrei avuto quel tipo di coraggio, grazia o amore da offrire. Erano alti in quel momento; una città splendente su una collina e un bellissimo esempio di luce di fronte all'oscurità.

Sono stato in grado di preselezionare un nuovo film chiamato Woodlawn che sarà rilasciato alla fine di questo mese. È basato sulla storia vera del grande Tony Nathan della NFL e sulla violenta divisione razziale della sua città natale nel 1973. Da allora abbiamo fatto progressi, ma questa divisione esiste ancora oggi. La storia di Woodlawn mostra cosa può accadere quando le persone hanno il coraggio di alzarsi e cambiare. In una scena cruciale, Tony Nathan viene reclutato dal leggendario allenatore Bear Bryant. Tony esprime dubbi nel giocare perché la sua famiglia è stata attaccata a causa della sua corsa e del successo calcistico. Bryant lo informa che mentre stava guidando verso la casa di Tony, ha visto un ragazzino nero che indossava il suo numero di maglia. Il suo coraggio ispirava gli altri, così come il modo in cui la sua squadra si era riunita. Ecco le cose che hanno fatto che hanno portato al cambiamento culturale.

Erano disposti a cambiare.

Se vuoi cambiare devi prima cambiare te stesso. Molte volte, quando vogliamo che il mondo cambi, la prima cosa che facciamo è perseguire i torti degli altri. Poi ci lamentiamo quando la lite continua ad andare in giro come una giostra. La squadra di football di Woodlawn si rese conto che il modo per cambiare le cose era fare qualcosa di diverso. Si sono rivolti all'unica cosa su cui avevano il controllo, se stessi, e hanno avuto il coraggio di cambiare, di andare in un modo diverso. Perché dovremmo aspettarci che il mondo cambi quando non siamo pronti a cambiare noi stessi? Lo hanno fatto e ha trasformato una comunità.

Ha chiesto perdono e ha perdonato gli altri.

All'inizio della stagione, i membri della squadra consideravano nemici quelli di una razza diversa. Tuttavia, invece di combattere l'un l'altro, hanno deciso di amarsi. È facile amare chi ti ama, ma amare i nemici richiede un amore più grande. Ci vuole lo stesso amore radicale che i membri della famiglia della chiesa di Charleston avevano per Dylann Roof in quell'aula di tribunale. È un amore che spoglia l'odio e la divisione del loro potere. Per i membri della squadra di football di Woodlawn nel 1973, iniziò perdonando e chiedendo perdono.

Stava per ciò che è giusto di fronte alle avversità.

Nessuno ha capito cosa avevano fatto. Le cose difficili da capire fanno paura e molti preferiscono che le cose rimangano lo status quo, anche quando sono brutte. Forse perché è comodo o più facile. Mentre la pressione sui giocatori da tutte le parti scendeva per dividerli, si sono schierati fedelmente per ciò che è giusto e l'un l'altro. In tal modo, hanno dato alla comunità una visione di come potrebbero essere le cose e, si spera, di come saranno un giorno. Non siamo ancora arrivati, ma i familiari delle vittime di Charleston stanno indicando la strada.

Ascolta i pensieri di Tony Dungy su Tony Nathan di Woodlawn e cosa possiamo imparare dalla sua storia.

You May Also Like

how to deal with anxiety
Come affrontare l'ansia
toxic family
4 comportamenti che renderanno tossici i tuoi rapporti familiari

Must Read

Menu