Come pregare quando non sai cosa dire

Crescita Personale

Quando eri un bambino, probabilmente ti veniva insegnato a pregare come ha fatto Gesù dicendo, "Padre nostro, che sei nei cieli, sia santificato il tuo nome …" o ogni volta che vai a letto, lo standard "Ora mi sdraio per dormire, prego il Signore, la mia anima, per mantenere …" O prima di mangiare, il classico: "Dio è grazia, Dio è buono, Signore ti ringraziamo per il nostro cibo …"

E se hai pregato costantemente, probabilmente hai ripetuto e riciclato quelle stesse tre preghiere come una vecchia maglietta del college. Non sto dicendo che c'è qualcosa di sbagliato nel ripetere le preghiere, ma dopo aver detto le stesse preghiere alcune centinaia di volte, le nostre preghiere possono diventare di routine e potenzialmente prive di significato se non stiamo attenti. Quindi, come preghi quando non sai cosa dire? È facile, basta ricordare la parola PREGHIERA.

P è per lode.

Inizia semplicemente lodando Dio per quello che è e per quello che ha fatto per te. Sto parlando delle piccole cose che spesso diamo per scontate: l'aria nei nostri polmoni, il battito del nostro cuore, il sangue nelle vene, la forza nelle nostre ossa e persino i pensieri sani nella nostra testa. E non ho nemmeno menzionato il tuo matrimonio, i tuoi figli, la tua famiglia e le altre persone che ami. Chiediti semplicemente: "Che cosa significa Dio per me?" E "Che cosa ha fatto per te?" Ora lodalo e ringrazialo per questo.

R è per REPENT.

Hai sbagliato? Hai fatto un errore? Hai maltrattato qualcuno? Quindi chiedi semplicemente a Dio di perdonarti per questo. Più sei specifico riguardo all'offesa, più sincera sarà la tua preghiera. Non nasconderti da esso. Dio sa che l'hai fatto; Vuole solo farti confessare. Di 'a Dio che ti dispiace e fagli sapere che te ne prendi la piena responsabilità. Ma ricorda, pentirsi non è solo scusarsi, sta avendo un sincero cambiamento di cuore. Quindi, dopo aver finito di pregare, non ripetere ciò che hai chiesto a Dio di perdonare. Ma anche se lo fai, Dio si aspetta che tu gli chieda ancora perdono.

A è per CHIEDERE.

Tutti dovremmo avere familiarità con questa parte della preghiera. Questo è quando chiedi a Dio quello che vuoi. La Bibbia dice in Matteo 7: 7, "Chiedi, e ti sarà dato, cerca, e troverai, bussa e ti sarà aperto." Ciò non significa che Dio ci darà solo tutto ciò che vogliamo. Significa solo se chiediamo ciò che vogliamo secondo la volontà di Dio, possiamo aspettarci di riceverlo o fidarci di Lui se non lo facciamo. E ciò che Dio vuole per noi è “Lo amiamo con tutto il nostro cuore, anima e mente e amiamo i nostri vicini come facciamo noi stessi” (Marco 12: 28-34). Quindi, quando preghi, chiedi a Dio cose che ti aiuteranno a fare meglio una di queste due cose.

Y è per YIELD.

Non solo dobbiamo chiedere a Dio le cose che Lui vuole per noi, ma dobbiamo anche chiedergli di aiutarci a cedere al modo in cui vuole che lo facciamo. Amare i nostri vicini come facciamo noi stessi; perdonare coloro che ci hanno fatto del male; servire estranei che non possono restituire il favore; rinunciare a ciò che vogliamo aiutare a dare agli altri ciò di cui hanno bisogno; trovare il tempo per gli altri quando non abbiamo molto tempo; e altre cose che richiedono un sacrificio di tempo, energia e risorse, non sono facili da fare. Ecco perché quando preghiamo, dovremmo chiedere a Dio di aiutarci a cedere al suo modo di fare le cose. Chiedigli di darti l'atteggiamento giusto per fare la cosa giusta, anche quando è difficile. La sua volontà sarà fatta, non la nostra.

Se ricordi e segui questo semplice acrostico (PREGARE), sì, la struttura delle tue preghiere sarà la stessa, ma fidati di me, non dirai mai la stessa preghiera due volte.

Suono spento: perché pensi che la preghiera possa essere una lotta?

You May Also Like

trust
4 modi per sapere se puoi fidarti
things to do tonight
8 cose da fare stasera che battono guardando la TV

Must Read

Menu