Cosa dire e cosa non dire a una coppia che lotta per rimanere incinta

Consigli

Sono colpevole un milione di volte. È difficile vedere qualcuno nel dolore, in particolare una persona cara. Potrei essere io che voglio solo che stiano bene. Potrebbe anche essere il mio desiderio di alleviare il disagio di un silenzio imbarazzante. Forse voglio solo risolvere il problema in modo da sentirmi importante. Voglio dire qualcosa che lo farà andare bene. Qualche pezzo di ottimismo poetico che dà speranza e toglie il dolore. Nella migliore delle ipotesi, le buone intenzioni sono andate male. Nel peggiore dei casi è insincero, insensibile e offensivo.

Una delle cose più dolorose che una coppia può attraversare è lottare per rimanere incinta. Sembra che tutti intorno a loro stiano avendo dei bambini. Avere amici che hanno vissuto questa strada straziante, so di aver detto cose sbagliate. Ho imparato che queste sono le cose che non dovresti mai dire.

Non dire:

“Rilassati e accadrà.”

Innanzitutto, non lo sai. Secondo, stai insinuando che è colpa loro. Devono sbagliare. Hai anche spazzato via qualcosa di sacro doloroso.

“Inizia il processo di adozione e rimarrai incinta.”

Ancora una volta, non lo sai. Offrire una soluzione concreta minimizza la loro situazione. Inoltre, potrebbero non voler adottare.

“Devi avere fede.”

Ancora una volta, questo fa sembrare che sia colpa loro, tranne che questa volta stai aggiungendo Dio all’immagine. Insinuare che Dio li trattiene perché non hanno abbastanza fede è più che una cattiva teologia. È uno schiaffo sottile in faccia comunicando che non hanno ancora guadagnato il favore di Dio.

“Dovresti essere testato per questo …”

Lo sanno già e lo sono stati. Non c’è nulla che tu possa raccomandare che i medici non abbiano già detto loro.

“Chi di voi è il motivo?”

Questo è un territorio ultra sensibile e personale. Non chiedere. Se sentono di essere abbastanza amici intimi, te lo diranno. Se lo fanno, sii onorato e cammina delicatamente perché sei in terra santa.

“Non dovresti …”

Non dire loro cosa fare. Non sai più di quello che sanno della loro situazione. Ci hai pensato per 5 minuti. Ci pensano continuamente.

Dì:

“Sono così dispiaciuto. Come stai?”

Una domanda aperta consente loro di condividere quanto si sentono a proprio agio. Concentrarsi sui propri sentimenti piuttosto che sulle soluzioni li fa sentire curati.

“È davvero difficile.”

Questo fa loro sapere che a un certo livello capisci. Potresti non aver provato la stessa cosa, ma hai avuto simili sentimenti di disperazione e dolore.

“Grazie per avermelo detto.”

Hanno scelto di condividere qualcosa di doloroso con te. Onora la loro decisione e ringraziali. Fai sapere loro quanto significa per te che ti hanno fatto entrare.

“Ti amo.”

Sei con loro e ti importa. Questo è tutto ciò che vogliono davvero.

Suono spento: in quale altra situazione si applicherebbero questi stessi principi?

Mettiti in contatto con i tuoi figli e chiedi: “Qual è la cosa migliore che posso fare quando ti fai male?”

You May Also Like

quality of life
Come trovare la qualità della vita
fight fair
4 modi per combattere la fiera

Must Read

Menu